Stato di Coscienza

Francisco Varela

Varela coscienza

Neurologicamente la coscienza è caratterizzata da due componenti: la vigilanza e la consapevolezza.

La vigilanza: è caratterizzata da uno stato di veglia che non necessariamente è associata alla consapevolezza di ciò che accade nel mondo che ci circonda.
La consapevolezza: consiste nella consapevolezza del mondo che ci circonda e, nella condizione più evoluta, del proprio essere, la consapevolezza può essere rivolta anche al mondo interiore.

Lo stato di coscienza è stabilito dal buon funzionamento, e dall’equilibrio delle due componenti. Quando si ha vigilanza senza consapevolezza la persona appare con gli occhi aperti, un normale ciclo sonno-veglia senza segni di contatto con l’ambiente. Questa condizione è normalmente conosciuta come stato vegetativo.
Quando si ha bassa vigilanza con consapevolezza al mondo interiore la persona appare con gli occhi aperti o chiusi, in posizione statica, reagisce a comandi in modo rallentato. Questa condizione è normalmente conosciuta come stato di trance.

Nel caso del coma oltre alla consapevolezza manca la vigilanza per cui la persona ha gli occhi chiusi e ha difficoltà a fornire risposte anche riflesse (es. reazioni allo stimolo doloroso).
Lo stato di coscienza può avere diversi livelli che non sono classificati in modo univoco.
Anche lo stato di Ipnosi è uno stato di coscienza caratterizzato da una ridotta consapevolezza del mondo esterno ed una maggiore presenza del mondo interno, il dialogo interno appartiene al mondo interiore ed è alla base della consapevolezza interiore.